COME MODIFICARE

 I FATTORI DI

 RISCHIO CARDIOVASCOLARI

 

How To Prevent and Control Coronary Heart Disease Risk Factors

 

In questi ultimi   anni   il   trattamento   medico della car-diopatia ischemica, i dispositivi elettrici per la terapia del- le aritmie gravi e la terapia rivascolarizzante mediante angioplastica o mediante cardiochirurgia hanno fatto pro-gressi eccezionali.

Ma nonostante tutti i progressi ottenuti, le malattie cardiovasco- lari continuano a rap- presentare nei paesi industrializzati, Italia compresa, la prima causa di morte e di ospedalizzazione. Per ottenere ulte- riori vantaggi in termini di riduzione di mortalità e di morbilità cardiovascolare, è evidente che bisogna pun- tare sulla prevenzione, la quale deve essere, quindi, cu- rata con maggiore impegno.

 

PER FARE PREVENZIONE CARDIOVASCOLARE ESI- STONO 2 STRATEGIE:

.una strategia individuale che è rivolta ai pazienti reduci da un episodio vascolare acuto oppure agli individui i quali, per mezzo di indagini clinico-anam- nestiche, di laboratorio e strumentali, sono stati iden- tificati come individui che corrono un rischio partico-larmente elevato di sviluppare una cardiopatia coro- narica;
.una strategia di popolazione che è volta alla riduzione del rischio cardiovascolare a cui è esposta la popolazione nel suo complesso.

 

Le 2 strategie devono essere considerate complementa- ri. Vi  sono infatti buone  ragioni, per ipotizzare che l’uso corretto di una strategia possa migliorare l’efficacia dell’ altra.

Finora il medico di medicina generale e il cardiologo han- no profuso un grande impegno in interventi di preven- zione cardiovascolare, condotti privilegiando la strategia individuale: in altri termini hanno speso molte delle ri- sorse disponibili sulla prevenzione secondaria, cioè sui pazienti reduci da un episodio coronarico acuto e sui pazienti ad elevato rischio cardiovascolare. Questa  stra- tegia è sicuramente importante, ma non ci può soddi- sfare completamente se si considera che la maggior parte degli eventi cardiovascolari (circa l' 80%) occorre in una categoria di soggetti che non ha un profilo di rischio cardiovascolare particolarmente elevato.

E’ pertanto opportuno puntare anche sullo sviluppo di u- na strategia di popolazione.

Questa strategia è volta alla riduzione, anche se di mo- desta entità, del rischio cardiovascolare, ma estesa a un numero di individui assai grande.Ad esempio, noi sappia- mo che attualmente i livelli medi di colesterolemia, nella popolazione italiana, sono di 205 mg/dl nei maschi e di 207 mg/dl nelle donne. Se, attraverso una modifica- zione dello stile di vita, i livelli di colesterolemia subisse- ro una riduzione anche di piccola entità, cioè di pochi mg (ad esempio di 5-7 mg/dl), è stato calcolato che la mor- talità cardiovascolare nella popolazione generale si ridur- rebbe ogni anno di alcune migliaia.

Un altro esempio proviene da uno studio americano, che ha stimato che, se negli Stati Uniti  l'introito di sale nelle persone adulte venisse ridotto a meno di 2,4 g al giorno, il numero di eventi cardiaci e di ictus cerebrale potrebbe abbattersi di 150.000 unità all'anno.

 

MA PRATICAMENTE COME SI FA? 

Per mettere in atto una  strategia di popolazione bisogna convincere quanti più individui possibile a  migliorare il proprio stile di vita. 

 

QUALI SONO LE FIGURE CHE POSSONO FAR MI- GLIORARE LO STILE DI VITA? 

 

Le figure che possono far modificare in senso fa- vorevole lo stile di vita sono numerose e com- prendono:

.il medico, in particolare il medico di medicina generale,

.la famiglia,

.i media,

.gli insegnanti (essi possono incidere in modo determi- nante sull’educazione sanitaria della popolazione gene- rale, in quanto attraverso i ragazzi l'educazione sanitaria si estende ai genitori).

 

Anche le Istituzioni hanno un ruolo fondamentale nell’ educazione sanitaria; essi possono agire attra- verso alcuni interventi che comprendono:

.la costruzione di parchi pubblici in tutti i quartieri delle città, di piste ciclabili, etc;

.la promozione di campagne antifumo;

.la diffusione,attraverso i media, di consigli per adottare una dieta antiaterogena, etc (per es. la dieta antiatero- gena dovrebbe essere adottata obbligatoriamente nelle mense pubbliche e in particolare in quelle scolastiche).

=======================================================  

Oper.medici e tecnici dell' U.O. di Cardiologia Riabili-tativa dell' Az. Osp. Mater Domini Catanzaro.
Oper.medici e tecnici dell' U.O. di Cardiologia Riabili-tativa dell' Az. Osp. Mater Domini Catanzaro.
Palestra.
Palestra.

 

Palestra
Palestra