Nell'organismo la concentrazione di sali minerali deve rimanere costante e questo per una serie di motivi:

.per il mantenimento della pressione osmotica, 
.per il mantenimento del bilancio idrico,
.per un corretto funzionamento di alcuni enzimi,

 

.per la regolazione dell'eccitabilità neuromuscolare,etc.
L' osteoporosi è un importante problema di sanità pub- blica:il 30-50% delle donne e 15-30% degli uomini su-  subisce una frattura osteoporotica. Kristina Åkesson.
L' osteoporosi è un importante problema di sanità pub- blica:il 30-50% delle donne e 15-30% degli uomini su- subisce una frattura osteoporotica. Kristina Åkesson.

La quantità di Cal- cio raccomandata varia a seconda del sesso e dell' età del soggetto. Il fabbisogno va da 500-800 mg nei bambini a 1000-1300 negli adolescenti e ne- gli adulti. Nelle donne in post-menopausa, se sono in trattamento con terapia estrogenica, il fabbisogno di Calcio è circa u- guale a quello dei maschi, altrimenti deve essere un pò più elevato e cioè 1200-1500 mg\dì).

100 g di latte contengono 120 mg di Ca.
100 g di latte contengono 120 mg di Ca.

Per raggiungere i valori ot- timali di Calcio da assu- mere giornalmente, biso- gna conoscere il contenu- to di Calcio contenuto in ogni porzione di alimento.

 

Ad esempio bisogna ricor- dare che:

-100 g di latte, ne contengono 120 mg;

-100 g di mozzarella 180 mg;

-50 g di parmigiano 580 mg;

-100 g di legumi freschi 35 mg;

-30 g di legumi secchi 33 mg;

-100 g di carne 10 mg;

-100 g di pesce 50 mg;

-100 g di pane 18 mg;

-100 g di pasta o riso 28 mg;

-100 g di ortaggi 60 mg;

-100 g di frutta 20 mg, etc.

 

Anche l’ acqua, se normalmente mineralizzata, contiene una buona quantità di calcio, che è pari a 300 mg/litro.

Oltre all' apporto di Calcio con la dieta è necessario che esso venga assorbito dall' intestino. Per favorire il suo assorbimento a livello intestinale deve essere presente in circolo un'adeguata quantità di vitamina D. L' esposi- zione alla luce del sole e alcuni alimenti proteici (es. sar- dine, salmone, anguille, olio di fegato di merluzzo, uova, etc), sono capaci di mantenere a livello fisiologico la quantità di vitamina D circolante.

 

In conclusione per prevenire e trattare l' osteoporosi bi- sogna:

.assumere adeguate quantità di Calcio (il latte, i latticini e l’ acqua rappresentano le fonti di calcio più importanti); 
.avere in circolo adeguate quantità di Vitamina D; 
.praticare un' attività fisica regolare;
.astenersi dal fumo, che si associa ad una ridotta massa ossea;
.limitare l' assunzione di caffeina, che aumenta la perdita di Calcio a livello fecale e urinario;
.limitare l'assunzione di alcool, che si associa ad una ri- duzione dell'assorbimento di Calcio e ad un aumento del riassorbimento osseo. 

IN CONCLUSIONE l'OSTEOPOROSI è una malattia delle ossa  caratterizzata da una riduzione della den- sità ossea e da una alterazione microstutturale della sua massa  che predispongono al rischio di fratture. Dal punto di vista della prevenzione, è fondamentale l’ esercizio fisico, da iniziare fin dalla giovane età. Questo perchè l'attività muscolare tonifica le ossa. Come osservato sopra, bisogna curare l’alimenta- zione garantendo un adeguato apporto di calcio. Inoltre tutti i giorni bisognerebbe esporsi per qual che minuto alla luce del sole, possibilmente con le braccia scoperte, in modo da favorire i meccanismi di produzione di vitamina D. 

Oper.medici e tecnici dell' U.O. di Cardiologia Riabili-tativa dell' Az. Osp. Mater Domini Catanzaro.
Oper.medici e tecnici dell' U.O. di Cardiologia Riabili-tativa dell' Az. Osp. Mater Domini Catanzaro.
Palestra.
Palestra.

 

Palestra
Palestra